Torna alla versione grafica

Accesso rapido:

Bando V-IR

Voucher alle imprese per l’acquisizione di servizi qualificati e specialistici per la ricerca e innovazione presso Infrastrutture di Ricerca pubbliche e private

La Regione Piemonte intende favorire l’incontro tra domanda e offerta di ricerca e innovazione promuovendo l’accesso alle infrastrutture in grado di fornire servizi di ricerca e trasferimento tecnologico alle imprese, per sostenere lo sviluppo di soluzioni innovative, ottimizzando il ricorso a infrastrutture di ricerca pubbliche e private.

Scarica il testo del bando V-IR

CARATTERISTICHE DEL BANDO

Dotazione finanziaria

19 Milioni di euro, a valere sul POR-FESR 2014-20120

Beneficiari

  • Piccole e medie imprese, in forma singola, con almeno un bilancio chiuso e appovato e con una sede operativa sul ¬†territorio piemontese.
  • Soggetto giuridico già esisente costiutito prevamlentemente da PMI e rappresentativo di settore produttivo e/o tecnologico (es. Associazioni di categoria, Consorzio-Società consortile, Rete soggetto,

Tempistiche

Le domande per il finanziamento dei servizi potranno essere presentate in modalità telematica dalle ore 9.00 del 29 Luglio 2019

I servizi V-IR

Le iniziative ammissibili a finanziamento devono essere indirizzate ad accrescere il grado di innovazione delle PMI in ambito tecnologico mediante l’acquisizione di una o più delle seguenti tipologie di servizi qualificati e specialistici di supporto alla ricerca, sviluppo e innovazione:

  1. Servizi tecnici per la sperimentazione di prodotti e processi migliorati e/o innovativi ovvero servizi di supporto alle fasi successive della progettazione dettagliata (quali ad esempio prove e test di laboratorio, utilizzo di laboratori, definizione e studi rendimenti, prestazioni e tolleranze, la prototipazione anche rapida). Sono compresi i servizi tecnici di progettazione strettamente correlati ai servizi oggetto della prestazione.

  2. Servizi di supporto alla certificazione avanzata (Test e prove di laboratorio finalizzati al percorso certificativo) -¬†ovvero i) servizi di supporto tecnico all'implementazione di sistemi di gestione e alla certificazione di sistemi secondo schemi di enti normativi e regolamentari di rilevanza internazionale; ii) servizi di supporto all'adozione di schemi di certificazione avanzati per innalzamento delle capacità competitive delle imprese; iii) Supporto tecnico alla certificazione di prodotto. Sono comprese solo le consulenze strettamente propedeutiche ai test e prove di laboratori finalizzati al percorso certificativo.

  3. Messa a disposizione di attrezzature - ovvero servizi finalizzati al supporto dell'innovazione attraverso l'utilizzo di attrezzature scientifiche, quali laboratori, banche dati, ecc.

  4. Servizi qualificati specifici a domanda collettiva ovvero servizi finalizzati allo sviluppo di innovazione diffusa nella filiera e nei sistemi produttivi (certificazione di filiera) e comprendono ad esempio: i) analisi e mappatura della filiera; stesura e validazione dei protocolli; elaborazione specifiche e dati utili alla stesura dei manuali operativi; spese di certificazione.

I servizi richiesti devono essere erogati e conclusi entro 6 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione.

Quali infrastrutture di ricerca

Le¬†infrastrutture di ricerca pubbliche e private, come definite dal Regolamento (UE) n. 651/2014,¬†appartenenti a soggetti pubblici o privati, imprese o organismi di ricerca, ad accesso aperto, garantito da¬†modalità e condizioni di mercato trasparenti¬†e non discriminatorie e con tipologia di erogazione e prezzi definiti e che rispondono alle caratteristiche coerenti con la definizione dell’ESFRI (European Strategic Forum on Research Infrastructures) e riprese dal PNIR (Piano Nazionale per le Infrastrutture di Ricerca) e dal PRIR (Piano Regionale per le Infrastrutture di ricerca):

  • Qualità Scientifica
  • Qualità Tecnologica
  • Servici collegati ad alto livello
  • Qualità manageriali
  • Valore aggiunto a livello sovra regionale
  • Accesso aperto su base competitiva (peer review).

Regime e intensità di aiuto

L’agevolazione sarà concessa secondo regime degli aiuti “de minimis” (ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013), sotto forma di contributo a fondo perduto per il¬† 70% delle spese ammissibili [min: 20.000,00 max: 200.000,00 euro].

Alle agevolazioni concesse sul presente bando si applicano le regole di cumulo previste dall’art. 5 del¬†Regolamento (UE) n. 1407/2013 “de minimis”, come previste dal bando.

COME PARTECIPARE

Non hai ancora identificato l'infrastruttura di ricerca?

Torino Wireless ti supporta ad identificare l'infrastruttura di ricerca adatta a rispondere alle tue esigenze di ricerca, sviluppo e innovazione.

Raccontaci il tuo bisogno: compila il modulo OdR Search e invialo a info@poloinnovazioneict.org.

Hai già identificato il servizio e l'infrastruttura che rispondono alle tue esigenze?

Componi la tua domanda, utilizzando la modulistica resa disponibile dalla Regione Piemonte.

Scarica la modulistica (file zip) (in pubblicazione)

CONTATTACI

La Fondazione Torino Wireless supporta gli aderenti al Polo ICT nel verificare la completezza e congruenza della tua richiesta di finanziamento, nonch鬆 il rispetto dei vincoli previsti dal bando.

Il Team del Polo invita le imprese aderenti a scrivere a info@poloinnovazioneict.org per approfondimenti e chiarimenti. 

 

Altre risorse utili

08/07/2019 - Presentate dieci nuove Infrastrutture ad accesso aperto del Politecnico di Torino

12/06/2019 РPrimo evento Research Meeting - Le Imprese incontrano gli Organismi di Ricerca

20/05/2019 –¬†Evento di lancio del bando V-IR presso Università di Torino

Sito della Regione Piemonte

Sito di Finpiemonte

  

  

Last tweets