Torna alla versione grafica

Accesso rapido:

Framework R&D

Contesto di riferimento per il Polo ICT

Il Polo ICT nella nuova programmazione regionale 2016-18 ha definito un nuovo perimetro di attività, considerando un contesto di riferimento molto articolato e comprende: la conoscenza approfondita del comparto ICT piemontese, la continuità e l’evoluzione delle iniziative attivate dal Polo ICT nella precedente programmazione 2009-2015, lo sviluppo competitivo delle specializzazioni regionali, le priorità di R&S della programmazione europea e, non ultima, la valorizzazione dell’ICT rispetto alla Digital Transformation e allo sviluppo e implementazione dell’Agenda Digitale italiana.

Cosa intendiamo per ICT

Il Polo definisce il proprio ambito tematico ICT attraverso tre dimensioni fondamentali:

  • Aree tecnico scientifiche: classificazione delle tecnologie abilitanti base, in cui risiede il potenziale di innovazione tecnologica; rappresentano l’offerta di innovazione.
  • Traiettorie strategiche: domini di sviluppo tecnologico, che investono una o più aree tecnico-scientifiche, caratterizzati da riconosciute prospettive di mercato; rappresentano le linee di sviluppo dell’innovazione.
  • Ambiti applicativi: settori che presentano rilevanti opportunità di crescita attraverso l’innovazione di prodotto/servizio/processo; rappresentano la domanda di innovazione.

 

 

Traiettorie Strategiche

Internet of Things
Si intende il paradigma dell’Internet of Things – secondo cui gli oggetti fisici possono diventare “intelligenti” fornendo informazioni su loro stessi, su altri oggetti/persone e/o sull’ambiente circostante - costituito da un insieme di soluzioni hardware/software, e relativi servizi di integrazione, sviluppo e gestione, che consentono di trarre il massimo valore dal costante scambio di dati tra oggetti connessi (sensori, microchip, telecamere e altri dispositivi elettronici, etc.) grazie anche all’integrazione con piattaforme Cloud e strumenti di Data Analytics.

 

Business Intelligence and Big Data
Si comprende le fasi di acquisizione, sistematizzazione, elaborazione e analisi, anche in real-time, di dati grandi moli di dati e non, strutturati e non, incluse le attività di visualizzazione dei risultati dell’analisi. Si collocano al suo interno tematiche quali Social/Web Analytics, machine learning, cognitive computing, nonché il tema degli Open Data.

 

Cloud
Si intende il paradigma di utilizzo delle risorse IT, infrastrutturali e applicative (Infrastructure, Platform e Software as a Service), secondo cui è possibile accedere on demand, attraverso la rete, ad asset tecnologici che sono potenzialmente delocalizzati e caratterizzati da potenza di calcolo configurabile a seconda delle esigenze di business.

 

Web e Mobile
Si collocano soluzioni e piattaforme software “as a service” che supportano la fruizione di contenuti attraverso Web e mobile app e che forniscono all’utente interfacce (user interface) ed esperienze di fruizione (user experience) innovative. In area Web si comprendono le applicazioni web-based, l’adozione di piattaforme per la gestione di siti e portali Internet, compresi quelli di eCommerce. In ambito Mobile, si comprende la diffusione del paradigma dell’accesso/fruizione da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento (mobile payment, mCommerce, customer care, servizi informativi per diversi ambiti di applicazione), ma anche la gestione e l’operatività della forza lavoro (Mobile SFA/WFA, eLearning, ecc.).

 

Social Enterprise
Si collocano le soluzioni legate alle piattaforme Social, tematica mutuata dal mondo Consumer. Le piattaforme Social supportano la nascita del modello di Social Enterprise basato sullo sviluppo di Community interne e Social Intranet, con l’obiettivo di favorire la collaborazione tra i dipendenti dell’azienda e aumentarne la produttività, nonché l’adozione di nuovi e più efficaci canali di comunicazione tra azienda e attori esterni (Community esterne, Social CRM, Digital Marketing), volti a incrementare la customer experience e il customer engagement.

 

Digital Security
In risposta alle sempre più crescenti esigenze di sicurezza informatica, rese sempre più critiche dalla progressiva apertura dei confini aziendali, dai diversi modelli di utilizzo delle risorse IT e dalla crescente digitalizzazione delle attività, che si traduce nell’adozione di specifiche soluzioni software e servizi per tutelare la privacy, garantire lo scambio sicuro di dati, evitare accessi non autorizzati, ridurre il rischio di perdita di dati, valutare e gestire i rischi.


 

Ambiti applicativi

Per aumentare la capacità di innovazione e la competitività delle imprese piemontesi, il Polo ICT focalizza le sue priorità progettuali sugli ambiti applicativi della Smart Specialization Strategy (S3) della Regione Piemonte.

In virtù della sua natura fortemente trasversale, l’ICT è in grado di portare innovazione di prodotto, di processo e di filiera nei settori tradizionali. In più il Polo stimola lo sviluppo di innovazione anche verso altri ambiti applicativi, quali ad esempio Finance, Cultura e Turismo, Industrie Creative, Smart Cities, caratterizzati da una significativa domanda di innovazione a livello locale o da riconosciute prospettive di mercato.

Il Polo intende orientare gli sviluppi della prossima programmazione guardando innanzitutto agli Ambiti Applicativi della S3 piemontese e alla loro declinazione in Aree di Innovazione su cui la Regione ha scelto di investire in via prioritaria.

Il Polo ICT mantiene un confronto periodico con i policy maker regionali, nazionali e internazionali per contribuire all’identificazione di politiche di supporto alla R&SI ad alto impatto per il territorio.

Traiettorie di sviluppo della Strategia Regionale S3

 Sono due gli indirizzi strategici specifici della Strategia Regionale S3, funzionali alle aree di innovazione ed specializzazione, con lo scopo di realizzare prodotti e servizi intelligenti e puliti.

 1. TRAIETTORIA SMART

In riferimento alla digitalizzazione dei prodotti e processi secondo il paradigma di Industria 4.0

  • ICT per l’innovazione di processo: per accelerare il processo di innovazione del tessuto imprenditoriale piemontese nelle aree di innovazione individuate dalla Strategia.
  • ICT per l’innovazione di prodotto: per promuovere la produzione di beni e servizi con caratteristiche definite che rispondano ai nuovi requisiti del mercato globale, in grado di soddisfare la crescente domanda di innovatività e miglioramento della qualità della vita.

2. TRAIETTORIA RESOURCE EFFICIENCY: 

In riferimento all’uso efficiente e sostenibile delle risorse, riducendo le emissioni e in genere l’impatto ambientale secondo il paradigma dell’Economia Circolare.

  • ICT per l’innovazione della domanda di risorse: per consumare meno risorse (resource saving) nei processi di produzione, utilizzo e smaltimento di beni/servizi
  • ICT per l’innovazione dell’offerta di risorse: per ottimizzare la generazione, distribuzione e fornitura di risorse nonché il riutilizzo e ricupero delle risorse (resource reduction)

  

Last tweets