Torna alla versione grafica

Accesso rapido:

Trentino e Piemonte si incontrano e progettano nuove soluzioni ICT

01/12/2017

01/12/2017 - Il settore dell’ICT fa parte ormai della quotidianità e trova applicazioni in diversi settori, dal turismo alla sanità, dalla mobilità alla cultura, fino all’energia e alla meccatronica. A testimoniarlo sono le oltre 50 realtà imprenditoriali intervenute ieri al Polo Tecnologico di Rovereto in occasione della quarta edizione dell’”ICT Speed Business Meeting”. L’evento ha permesso l’organizzazione di oltre 160 incontri di business di 15 minuti tra startup e imprese del settore, favorendo la nascita di nuove sinergie e future collaborazioni. Ventotto le realtà trentine iscritte (16 imprese e 12 startup) e diciassette quelle piemontesi (16 aziende e 1 startup), cui si aggiungono altre 8 realtà imprenditoriali provenienti da altre regioni italiane. Tra i settori più rappresentati l’industria 4.0, la mobilità sostenibile e l’ambiente. L’evento è stato frutto dalla sinergia tra Trentino Sviluppo, Fondazione Torino Wireless, HIT-Hub Innovazione Trentino e Informatica Trentina, d’intesa con il Comitato per lo sviluppo dell’ecosistema ICT trentino e il Cluster Tecnologico Nazionale SmartCommunitiesTech.

Le connessioni dell’ICT non viaggiano solo sul web. Le occasioni di incontro di persona tra imprese e startup sono molto ricercate da chi opera in questo settore, che proprio sulle sinergie e le collaborazioni basa nuovi progetti di sviluppo.

Ne è testimonianza l’interesse suscitato dall’iniziativa “ICT Speed Business Meeting”, giunta alla sua quarta edizione e promossa dai sistemi di sostegno all’innovazione trentino e piemontese. L’edizione 2017 dell’evento si è tenuta ieri a Rovereto, al Polo Tecnologico di Trentino Sviluppo, e ha visto la partecipazione di oltre 50 imprese trentine, piemontesi e non solo. Per quanto riguarda i temi, la meccatronica e in generale il settore dell’Industria 4.0 è stato quello dominante con 28 imprese presenti. Gli altri settori rappresentati sono stati la mobilità sostenibile (16 imprese), l’ambiente (14), l’energia (13), il turismo (10), la sanità (9), il territorio-sistemi GIS (8) la cultura (7), l’istruzione (7) e altri settori (25).

L’incontro è stato aperto dai saluti istituzionali dei soggetti promotori. “Fino a qualche anno fa – ha osservato Paolo Pretti, della Direzione operativa di Trentino Sviluppo - un incontro di questo tipo non si sarebbe potuto fare, mentre ora i paradigmi del fare impresa sono cambiati”. Oggi siamo in tanti, enti pubblici e privati, aziende mature, startup innovative, per testimoniare assieme un messaggio importante – ha detto Pretti – quello che la collaborazione reciproca non è una minaccia per la sopravvivenza delle nostre aziende ma un’opportunità e che la condivisione di buone pratiche, le alleanze attorno a progetti innovativi con i quali competere nel mondo globalizzato offrono molte più opportunità che rischi”.

Sulla stessa linea anche Andrea Guarise, responsabile Accelerazione e Imprenditorialità di HIT e membro del Cda del Cluster Nazionale SmartCommunities: “Come HIT abbiamo l’incarico della PAT per rappresentare il territorio trentino nei Cluster Tecnologici Nazionali e siamo a disposizione delle imprese e dei ricercatori del territorio che vogliano partecipare alle iniziative e alle opportunità fornite dal Cluster, in particolare quelle rivolte al trasferimento delle tecnologie dalla ricerca all’impresa”.

Tra i frutti di questo nuovo approccio c’è anche il protocollo d’intesa siglato proprio nel maggio di quest’anno tra Trentino Sviluppo e Fondazione Torino Wireless per la promozione di progetti congiunti di innovazione nel settore ICT, insieme a Informatica Trentina e HIT-Hub Innovazione Trentino.

L’evento è proseguito con l’intervento di Laura Morgagni, direttrice della Fondazione Torino Wireless, che ha raccontato come proprio dal confronto con gli imprenditori è emerso l’apprezzamento verso questa iniziativa. “Le occasioni di networking sono considerate fondamentali per chi opera nel settore ICT”.

Isabella Bressan di Informatica Trentina ha sottolineato l'impegno della società nella promozione dell'ecosistema ICT del Trentino nell'ambito del Progetto di Collaborazione Territoriale, con le 4 associazioni di categoria territoriali del settore e una rete di circa 130 imprese. "L'evento di oggi - ha proseguito Bressan - promuove lo scambio di conoscenze tra realtà diverse che è fondamentale per generare nuove idee e concrete opportunità di sviluppo per il sistema".

Il programma ha visto poi l’intervento di Giuseppe Angelini, alla guida del Comitato per lo Sviluppo dell’Ecosistema ICT Trentino, dedicato al progetto MUI – Mobilità Urbana Integrata, di cui è coordinatore. Sono seguiti gli interventi dedicati agli investimenti ICT in Piemonte e Trentino, curati da Luca Capra di Trentino Sviluppo, Gianmarco Piola di Fondazione Torino Wireless e Andrea Guarise di HIT.

Il pomeriggio è stato animato da 160 gli incontri “b2b” finalizzati a favorire forme di partnership o collaborazione tra startup e imprese ICT, moltiplicare le occasioni di contatto consentendo alle imprese di programmare successivi momenti di incontro e offrire alle startup un banco di prova per la propria idea e il proprio business model.