Torna alla versione grafica

Accesso rapido:

AR3

Augmented Reality with Rift

Obiettivi chiudi

L'€™idea alla base dello studio è integrare realtà  virtuale e realtà  aumentata. Si utilizzeranno visori per la Realtà  Virtuale dotati di due mini videocamere direzionate lungo la direzione dello sguardo dell'€™utente. Il visore mostrerà  le scene riprese dall'€™ambiente circostante con l'€™aggiunta di elementi virtuali generati in computer grafica.

Descrizione chiudi

Lo studio di fattibilità sarà finalizzato allo studio iniziale di queste due tecnologie:

  • da un lato i visori per la realtà virtuale (Oculus Rift)
  • dall’altro componenti hw e sw, paradigmi e metafore della realtà aumentata (OHMD - Optical Head-Mounted Display come Google Glass, GlassUp o Vuzix Smart Glasses M100; oppure terminali mobili quali smartphone e tablet)

e successivamente alla loro integrazione in un unico device o prodotto.

L’utilizzo delle tecnologie previste per il presente studio è fortemente trasversale e interessa, oltre che il settore delle industrie creative, molteplici altri settori e in particolare (anche se non esaustivamente):

  • e-Health, in relazione al quale interfacce di Augmented Reality possono rappresentare uno strumento per rendere più efficace l’interazione e la lettura dei dati d’esame
  • e-Learning, in cui la Augmented Reality può essere utilizzata per la formazione, le modalità di distribuzione e le interfacce di fruizione dei contenuti per garantire l’efficacia dell’insegnamento e il miglioramento dei livelli di apprendimento
  • Factories of the Future, in cui interfacce di Augmented Reality possono concorrere a definire sistemi di simulazione, modellizzazione e gestione della conoscenza e delle competenze nell'intero ciclo di vita di un prodotto (Digital Factory)
  • Infotainment, laddove le modalità di interazione uomo-macchina costituiscono strumenti rivolti al miglioramento della qualità dei servizi forniti e/o dell’esperienza fruibile. A tal proposito si evidenziano le molteplici applicazioni e le potenzialità di ulteriori sviluppi nell’ambito dell’industria automobilistica.
  • Gestione e promozione dei beni culturali, in relazione al quale le tecnologie di visualizzazione 3D, realtà virtuale e realtà aumentata potrebbero supportare lo sviluppo di sistemi di digitalizzazione delle risorse culturali, in grado di mantenere ed esaltare il contenuto informativo dell'oggetto originale, oltre che l’interazione con artefatti digitali "intelligenti", comprensivi di contenuti eterogenei e adattabili al contesto.

 

Last tweets